Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Detailing » Strumenti ed accessori. » Tamponi in spugna: caratteristiche e tecnologie costruttive

Tamponi in spugna: caratteristiche e tecnologie costruttive

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Roby Pozzato


Detailer Novello
Si parla spesso di tamponi in spugna a celle aperte e a celle chiuse. Chiedo agli esperti:
- Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna delle due tipologie?
- Come si può riconoscere "a vista" a quale delle due tipologie appartene un tampone, visto che il dato non sempre è citato nelle schede tecniche?
- Quali altri fattori influenzano il comportamento di un tampone nelle varie situazioni (taglio, polishing, finitura), e come si possono riconoscere? (intendo il solo comportamento riguardo al risultato, indipendentemente da altri fattori quali durata, robustezza, ecc.)

Il tutto, se opportuno distinguere, con particolare attenzione alle lucidatrici rotorbitali, e fra queste la ERO600. Wink



Ultima modifica di Roby Pozzato il Mer 1 Mag 2013 - 23:20, modificato 1 volta

Vedere il profilo dell'utente

Giovanni92


Laureato in Detailing
una spiegazione molto esaustiva è quella di giobart che ha postato nel thread dei "tamponi sfasciati"

Vedere il profilo dell'utente

Roby Pozzato


Detailer Novello
In quel thread mi ha dato spiegazioni preziose, che vorrei approfondire su questi tre punti. Smile

Vedere il profilo dell'utente

tidus


Apprendista Detailer
Roby Pozzato ha scritto:In quel thread mi ha dato spiegazioni preziose, che vorrei approfondire su questi tre punti. Smile

si anche io....un particolare LCDA Arancio è a celle aperte o chiuse?

Vedere il profilo dell'utente

Giovanni92


Laureato in Detailing
celle aperte Wink

Vedere il profilo dell'utente

Admin


Admin
Bell'argomento, merita approfondimento. Butto giù qualcosa con calma Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedere il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

Gas964


Apprendista Detailer

Bravo Roby, 3D molto interessante.

Rivolgo un "preghiera" ad Antonio e, in generale, ai più preparati che interverranno per fornire le loro spiegazioni: rimanere nel campo delle rotorbitali indicando, se possibile, se quanto verrà riferito sarà da considerarsi valido per la categoria (delle roto) o per il singolo modello (DAS, ERO ecc.).

Vedere il profilo dell'utente

tav86


Detailer Novello
mi segno anch'io!l'argomento mi interessa

Vedere il profilo dell'utente

PELO


Laureato in Detailing
Admin ha scritto:Bell'argomento, merita approfondimento. Butto giù qualcosa con calma Wink

ok......per il prossimo anno potremmo leggere qualcosa lol!

Vedere il profilo dell'utente http://www.elmocarcare.it

Roby Pozzato


Detailer Novello
Admin ha scritto:Bell'argomento, merita approfondimento. Butto giù qualcosa con calma Wink
Di stasera? No, perché qui c'è gente che deve fare degli ordini... Wink


Gas964 ha scritto:
Bravo Roby, 3D molto interessante. [...]
E questo è niente, ne ho degli altri, ma prima finiamo questo. Una cosa per volta, sennò non assimilo, ho già una certa età, io. Very Happy


PELO ha scritto: ok......per il prossimo anno potremmo leggere qualcosa lol!
Speriamo di no, rischio di dimenticarmi quello che ho chiesto! lol! lol! lol!

Vedere il profilo dell'utente

Admin


Admin
Roby Pozzato ha scritto:Si parla spesso di tamponi in spugna a celle aperte e a celle chiuse. Chiedo agli esperti:
- Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna delle due tipologie?
- Come si può riconoscere "a vista" a quale delle due tipologie appartene un tampone, visto che il dato non sempre è citato nelle schede tecniche?
- Quali altri fattori influenzano il comportamento di un tampone nelle varie situazioni (taglio, polishing, finitura), e come si possono risonoscere? (intendo il solo comportamento riguardo al risultato, indipendentemente da altri fattori quali durata, robustezza, ecc.)

Il tutto, se opportuno distinguere, con particolare attenzione alle lucidatrici rotorbitali, e fra queste la ERO600. Wink


Ok allora cominciamo velocemente a fornire qualche indicazione...
Le spugne a celle aperte sono quelle maggiormente utilizzate nel nostro settore. La spugna presenta diverse cavità all'interno e questo permette all'aria di circolare rapidamente mantenendo temperature di esercizio più basse e riscaldando meno la superficie sulla quale si sta lavorando. Per questo motivo i tamponi in spugna a celle aperte sono più morbidi e cedevoli: la consistenza non è mai definita in fase di progettazione ma subisce variazioni a seconda di come e quanta aria entra in gioco. Questo tipo di spugne ha un "ritorno" alla forma iniziale più lento: provate a premerli e ci vorrà qualche istante prima che il tampone riprenda la sua forma. Questo aiuta molto nel mondo della lucidatura per seguire le forme dell'auto e rendere meno "stressante" il lavoro. La spugna a celle chiuse, essendo pre-caricata di gas, ha una sua forma stabile e non si adatterebbe all'auto ma obbligherebbe a seguire il tampone e non la vettura. La cella chiusa è più resistente ma anche più costosa con un peso specifico superiore. Credo, ma non ne sono certo, che un esempio delle due spugne si abbia nei tamponi Spider OEM e Sandwich di Scholl: quella nera (o rossa) è una spugna insensibile al variare delle condizioni e serve da supporto flessibile ma tosto, mentre quella bianca, che svolge il lavoro, si adatta al variare dell'ambiente.
Oggi sono diffuse anche soluzioni miste (celle aperte e chiuse) pertanto è molto difficile stabilire quale sia l'esatta tecnologia utilizzata da un produttore.
Ricordo però che il tecnico di un'azienda (francamente non ricordo quale) mi mostrò un sistema semplice e veloce per capire che tipo di spugna avessimo davanti: basta avvicinare il bordo del tampone alla bocca (diciamo 5 mm), soffiare sul pad e toccare il tampone. Nel punto in cui si è soffiato il tampone diventa più morbido e cedevole segno che l'aria aveva modificato la struttura cellulare. Elementare ma efficace: è un sistema che uso ancora Wink

La pratica però, mi ha insegnato che il tipo di spugna racconta solo un aspetto del tampone. Sono altrettanto importanti altri fattori come il taglio, il tipo di collante utilizzato per il Velcro, il Velcro stesso e le dimensioni generali del pad.
Ed è altrettanto vero che è impossibile definire una classifica perchè, come in tutti gli aspetti del detailing, il sempre citato U Factor (grazie Manu), è determinante, e quello che può essere un tampone perfetto per me non lo è per un'altro utente Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedere il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

Berserk


Diplomato in Detailing
Post chiarissimo e molto interessante study

Vedere il profilo dell'utente

Armaky


Diplomato in Detailing
Admin ha scritto:Ricordo però che il tecnico di un'azienda (francamente non ricordo quale) mi mostrò un sistema semplice e veloce per capire che tipo di spugna avessimo davanti: basta avvicinare il bordo del tampone alla bocca (diciamo 5 mm), soffiare sul pad e toccare il tampone. Nel punto in cui si è soffiato il tampone diventa più morbido e cedevole segno che l'aria aveva modificato la struttura cellulare. Elementare ma efficace: è un sistema che uso ancora Wink
Hahaha.. allora non sono pazzo.. lol!
Di queste prove ne avevo già fatte a suo tempo (e proprio poche ore fa Razz ) proprio perchè colto dal dubbio se un determinato set di tamponi corrispondesse effettivamente, con anche i colori, alle caratteristiche indicate in fatto di capacità di taglio e tecnologia di costruzione (vedasi celle aperte/chiuse)

Il poliuretano (se non sbaglio dovrebbe essere questo il nome della spugna di cui sono composti scratch )
dovrebbe anche essere un materiale più o meno termosensibile, e di conseguenza reagire più o meno velocemente al calore

Chiedo venia se ho detto qualche corbelleria di troppo.. Razz i miei attuali studi si fermano qui in fatto di tamponi.. urge un più accurato approfondimento nel caso Suspect
Spoiler:
Ah.. altro che 5mm.. il tampone da nuovo mi ci appoggio proprio con le labbra e ci soffio dentro lol! )

Volevo anche ringraziare Roby per aver dato l'input ad approfondire un argomento apparentemente banale come le caratteristiche dei tamponi Wink

Doveroso il plauso ad Admin per le sue spiegazioni che ci illuminano sempre di più cheers



Ultima modifica di Armaky il Mer 1 Mag 2013 - 21:02, modificato 1 volta

Vedere il profilo dell'utente

ciccante88


Detailer Superesperto
Ottima spiegazione! le caratteristiche del tampone, sotto il punto di vista di celle aperte o chiuse va ad influire anche sul taglio o si tratta solo del corpo interno?

PS: scritto insieme ad armaky! Wink

Vedere il profilo dell'utente

Armaky


Diplomato in Detailing
ciccante88 ha scritto:Ottima spiegazione! le caratteristiche del tampone, sotto il punto di vista di celle aperte o chiuse va ad influire anche sul taglio o si tratta solo del corpo interno?
Voglio azzardare.. scratch influisce proprio sul taglio e sulle caratteristiche sia interne che esterne del tampone
Indicano alla fine, IMHO la grandezza e la consistenza delle "bolle" di cui sono costituiti i tamponi e dal tipo di "catalisi" che hanno subito in fase "attiva" a contatto con gas specifici.. tornando alla spiegazione più approfondita e mirata data da Antonio
Chiaramente poi.. in base alla consistenza gli stessi.. possono avere capacità maggiori o minori sia in fatto di taglio che di dissipazione del calore.. scratch

ciccante88 ha scritto:
PS: scritto insieme ad armaky! Wink
Figurati.. ormai mi sa che è diventato un cult l'argomento Razz
Spoiler:
Ti seguo ti seguo.. anche se 6 irragiungibile per me lol! hai una celerità di messaggi giornalieri che fa paura!!! affraid

Vedere il profilo dell'utente

cupitt


Campione 2013
Campione 2013
ottimo antonio Wink

sarebbe interessantissimo dare qualche input sull'abbinamento tampone celle aperte/chiuse ai vari compound e polish


_________________
LE MIE " RICETTE "


Vedere il profilo dell'utente

Giobart


Miglior Detailing 2013
Miglior Detailing 2013
Ottima spiegazione Admin! Very Happy
Nei fattori che compongono le caratteristiche/struttura dei tamponi, non bisogna dimenticare le resine che lo compongono! Wink

Vedere il profilo dell'utente

Emanuele B


Moderatore
Favoloso ! Il trucco del soffio sul tampone lo utilizzo anch'io da un po' , non me l'ha insegnato nessuno ma ho intuito fosse un buon sistema dopo aver osservato la reazione al calore delle varie spugne

Questi discorsi sono fantastici ed interessantissimi e fanno intuire come le variabili in gioco siano tantissime .......pensiamo poi al conportamento dei vari abrasivi abbinati alle varie tipologie di spugne , l'abbianamento a diverse lucidatrici , le diverse tecniche di lucidatura , i tipi di trasparenti , le condizioni climatiche e......... la " manina " dell' operatore . Un mondo sconfinato


_________________


GUARDA I MIEI DETAILING
.....( grazie chef !! )

Pricipi di dettagliologia vissuta

1) Il 4° vizio capitale ......che roba brutta !

2) il detailing lo fa il detailer .....i prodotti aiutano (ma vanno saputi usare !!)

3) Senza l' U Factor  sei un brocco
Vedere il profilo dell'utente http://www.rossorubinocardetailing.com

Roby Pozzato


Detailer Novello
Splendido, grazie Antonio! Smile


Admin ha scritto:[...]
Ricordo però che il tecnico di un'azienda (francamente non ricordo quale) mi mostrò un sistema semplice e veloce per capire che tipo di spugna avessimo davanti: basta avvicinare il bordo del tampone alla bocca (diciamo 5 mm), soffiare sul pad e toccare il tampone. Nel punto in cui si è soffiato il tampone diventa più morbido e cedevole segno che l'aria aveva modificato la struttura cellulare. Elementare ma efficace: è un sistema che uso ancora Wink
E questo indica una spugna a celle aperte, giusto?


La pratica però, mi ha insegnato che il tipo di spugna racconta solo un aspetto del tampone. Sono altrettanto importanti altri fattori come il taglio, il tipo di collante utilizzato per il Velcro, il Velcro stesso e le dimensioni generali del pad.
Quindi aspettiamo il seguito, o una bella monografia nelle guide. Wink

Per esempio, il taglio da cosa dipende? Mi sembra, ad occhio, che un tampone più "tosto" sia non solo più "consistente" al tatto, ma anche con una struttura più "grossolana", con celle più grosse. E' corretto?


Ed è altrettanto vero che è impossibile definire una classifica perchè, come in tutti gli aspetti del detailing, il sempre citato U Factor (grazie Manu), è determinante, e quello che può essere un tampone perfetto per me non lo è per un'altro utente
No, certo, ed infatti il senso voleva essere quello: capire com'è fatto e come funziona lo strumento, per capire come usarlo al meglio o cos'è meglio per me. Smile

Thanks, per ora. Wink

Vedere il profilo dell'utente

Giovanni92


Laureato in Detailing
forse sono io che non capisco... ma soffiando cosa si riesce a capire?

Vedere il profilo dell'utente

nikolino


Apprendista Detailer
cupitt ha scritto:ottimo antonio Wink

sarebbe interessantissimo dare qualche input sull'abbinamento tampone celle aperte/chiuse ai vari compound e polish

bravo cupitt, mi hai tolto le parole....e indovinato anche il mio pensiero Very Happy Very Happy

Vedere il profilo dell'utente

Armaky


Diplomato in Detailing
Giovanni92 ha scritto:forse sono io che non capisco... ma soffiando cosa si riesce a capire?
Provo a renderla più semplice possibile.. scratch
Nella parte dove si soffia, essendo l'aria espulsa ad una temperatura sicuramente superiore a quella ambiente, si viene a creare una zona in cui il tampone subisce un repentino "sbalzo" termico e di conseguenza, confrontando la zona riscaldata con un'altra contigua del tampone ci si accorge della sostanziale differenza..

Altra prova.. come già detto da Antonio.. l'effetto memoria che hanno i vari tamponi una volta che su una parte di essi viene esercitata una pressione..
Quando però si effettua la stessa prova di pressione, ma stavolta nella zona riscaldata, la reazione della spugna sarà differente ed in base a quanto sarà differente si possono avere buone indicazioni sulle caratteristiche che, in linea di massima, dovrebbe avere il tampone Smile

Vedere il profilo dell'utente

Admin


Admin
Armaky ha scritto:
Admin ha scritto:Ricordo però che il tecnico di un'azienda (francamente non ricordo quale) mi mostrò un sistema semplice e veloce per capire che tipo di spugna avessimo davanti: basta avvicinare il bordo del tampone alla bocca (diciamo 5 mm), soffiare sul pad e toccare il tampone. Nel punto in cui si è soffiato il tampone diventa più morbido e cedevole segno che l'aria aveva modificato la struttura cellulare. Elementare ma efficace: è un sistema che uso ancora Wink
Hahaha.. allora non sono pazzo.. lol!
Di queste prove ne avevo già fatte a suo tempo (e proprio poche ore fa Razz ) proprio perchè colto dal dubbio se un determinato set di tamponi corrispondesse effettivamente, con anche i colori, alle caratteristiche indicate in fatto di capacità di taglio e tecnologia di costruzione (vedasi celle aperte/chiuse)

Il poliuretano (se non sbaglio dovrebbe essere questo il nome della spugna di cui sono composti scratch )
dovrebbe anche essere un materiale più o meno termosensibile, e di conseguenza reagire più o meno velocemente al calore

Chiedo venia se ho detto qualche corbelleria di troppo.. Razz i miei attuali studi si fermano qui in fatto di tamponi.. urge un più accurato approfondimento nel caso Suspect
Spoiler:
Ah.. altro che 5mm.. il tampone da nuovo mi ci appoggio proprio con le labbra e ci soffio dentro lol! )

Volevo anche ringraziare Roby per aver dato l'input ad approfondire un argomento apparentemente banale come le caratteristiche dei tamponi Wink

Doveroso il plauso ad Admin per le sue spiegazioni che ci illuminano sempre di più cheers

Il poliuretano è uno dei materiali utilizzati per le spugne, ma non il solo Wink

Armaky ha scritto:
ciccante88 ha scritto:Ottima spiegazione! le caratteristiche del tampone, sotto il punto di vista di celle aperte o chiuse va ad influire anche sul taglio o si tratta solo del corpo interno?
Voglio azzardare.. scratch influisce proprio sul taglio e sulle caratteristiche sia interne che esterne del tampone
Indicano alla fine, IMHO la grandezza e la consistenza delle "bolle" di cui sono costituiti i tamponi e dal tipo di "catalisi" che hanno subito in fase "attiva" a contatto con gas specifici.. tornando alla spiegazione più approfondita e mirata data da Antonio
Chiaramente poi.. in base alla consistenza gli stessi.. possono avere capacità maggiori o minori sia in fatto di taglio che di dissipazione del calore.. scratch

ciccante88 ha scritto:
PS: scritto insieme ad armaky! Wink
Figurati.. ormai mi sa che è diventato un cult l'argomento Razz
Spoiler:
Ti seguo ti seguo.. anche se 6 irragiungibile per me lol! hai una celerità di messaggi giornalieri che fa paura!!! affraid

Influisce sia sul taglio dei tamponi che, ovviamente, su modo di operare dello stesso con i vari polish e sulle varie superfici.

cupitt ha scritto:ottimo antonio Wink

sarebbe interessantissimo dare qualche input sull'abbinamento tampone celle aperte/chiuse ai vari compound e polish

Sarebbe troppo riduttivo, le variabili sono troppe per qualsiasi tipo di classificazione.

Giovanni92 ha scritto:forse sono io che non capisco... ma soffiando cosa si riesce a capire?

Quando si ammorbidisce è un celle aperte o misto chiuse/aperte.

Vedere il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

Giovanni92


Laureato in Detailing
ottima info anto!! sicuramente da tenerne conto per conoscere meglio che tampone stiamo utilizzando

Vedere il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum