Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Detailing » L'arte della lucidatura: claying, correzione e polishing. » Vorrei comprare una lucidatrice - quale approccio?

Vorrei comprare una lucidatrice - quale approccio?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

pianista


Apprendista Detailer
Dunque: dopo aver sperimentato sul campo la decontaminazione e la clayatura, sento che prima o poi mi verrà pesantemente la voglia di comprare una lucidatrice.

Ma siccome sono niubbo, ma proprio niubbo niubbo, mi manca proprio l'A-B-C della questione. Vorrei quindi condividere con voi alcuni miei interrogativi.

Dunque: dalle guide rilevo che, per il principiante assoluto, la scelta più adatta è la rotorbitale ERO 600. Ok, primo problema risolto. Leggo inoltre, sempre dalle guide, che il metodo corretto da utilizzare è quello di partire dalla correzione più "leggera" per poi arrivare a quella più pesante.

Quindi, secondo questo schema, io dovrei far pratica, una volta presa la lucidatrice, a stendere prima un glaze. Poi, dopo un po' e al ciclo successivo, un paint cleaner. Poi, la volta dopo, un polish di finitura. Poi ancora un polish medio e così via.

Cioè, ogni volta che vado a riutilizzare la lucidatrice (a distanza di diversi mesi), inizierei con un prodotto leggermente più aggressivo di quello utilizzato nel ciclo precedente... può andar bene come approccio, o è troppo lungo?

Altra domanda: con la lucidatrice si può applicare/rimuovere la cera? A senso mi verrebbe da dire: applicazione a mano, e rimozione con rotorbitale. E' corretto?

Poi la scelta dei prodotti, viste le tantissime combinazioni, su cosa andrebbe fatta? Sul colore della vernice e/o sulle condizioni della stessa?

Nel mio caso la macchina è stata abbastanza ben tenuta, ma guardandola in controluce ci sono i classic swirls un po' dappertutto. Conviene iniziare già da subito con qualcosa di più aggressivo? Io, per evitare di far danni, avrei intenzione di utilizzare dapprima prodotti "coprenti" ma privi di capacità abrasive, giusto per prendere confidenza con la macchina e acquisire il giusto feeling. E poi passare, una volta acquisita un po' più di sicurezza, all'utilizzo di prodotti abrasivi, secondo la scala già detta sopra. Voi che ne pensate?

Vedere il profilo dell'utente

L0r3nz0rm


Detailer Novello
La ero è un ottima lucidatrice rotorbitale adatta agli hobbisti .
Oltre ad essere tra le piu economiche , senza voler far i conti in tasca a nessuno ))
Il discorso di imparare e in partr giusto . In realtà viene inteso tipo . Evitare di fare danni alla verniciatura/ trasparente . E evitare di togliere micron inutili ad una verniciatura . Percui si opta per un polish medio su tampone medio . Lavorandolo correttamente su un area limitata della macchina . Dopo la lavorazione , viene pulito il residuo del polish con panni in mf . E usato un prodotto che potrebbe essere un ipa o eraser . E vai a valutare se la scelta polish / pad e adatta alla correzione . Se hai corretto continui sul resto della macchina . Altrimenti cambi ad es: pad da taglio e polish , salendo per gradi . Le tecniche sono spiegate nel blog del sito ))
Fatti un idea e poi andrai a scegliere quale kit prendere con la lucidatrice ))

Vedere il profilo dell'utente

pianista


Apprendista Detailer
Quindi tu dici di partire direttamente da un polish?

Io mi ero fatto l'idea che il primo giro di giostra l'avrei dato con una sostanza non abrasiva, proprio per evitare di correggere dove non ce ne fosse bisogno...

So bene che le scuole di pensiero "correggere" vs "coprire" portano avanti da anni una battaglia di principio, ma per l'hobbista quel che importa è riuscire a migliorare sempre più il proprio detailing sull'auto... e penso che se anche, in un primo momento, si lavori soltanto sulla copertura del difetto... può andar bene come training.

Ovviamente il punto è che a non correggere, dopo un po' ci si ritrova nuovamente con i soliti swirls... non riesco proprio a decidermi...

Vedere il profilo dell'utente

fuento


Apprendista Detailer
Ciao guarda io ti posto la mia esperienza con la ero. Non avevo mai preso una lucidatrice in mano m in una mezz ora prendi conferenza su c

Vedere il profilo dell'utente

fuento


Apprendista Detailer
..scusa
Su come tenerla. C e tanto da imparare ma sei tranquillo che danni non ne fai. Ti posso consigliare di leggerti le guide e tutti i post sulla Ero e sulle combinazioni kit polish/tamponi. A quel punto cominci a tirare giù una lista di prodotti. Parti con i polish diretto tranquillo, come ti insegna la guida non andare subito con un polish da taglio pesante ma parti prima da una combo soft per poi passare sempre gradualmente a polish più taglienti.

Riguardo al fatto correggere o coprire.. Dipende cosa vuoi ottenere. Ci sono prodotti ottimi coprenti ma dopo un mesetto o due finisce l effetto e sei al punto di partenza. Per come la penso io si dev correggere. Ora non t dico che dopo il primo ciclo di lucidatura sei capace a correggere perché l esperienza sul campo te la fai solo lucidando ma ti posso garantire che una "semplice" Ero ti da parecchia soddisfazione e correggi..

Per info scrivi..

Vedere il profilo dell'utente

pianista


Apprendista Detailer
Beh, diciamo che un mese o due di durata di un "coprente", mi possono anche star bene, dai. Ora non so quanto tempo ci voglia a fare il ciclo di copertura una volta esaurito il precedente, ma se a fronte di un lavoro di una o due ore, ho una durata di quel tipo, mi posso accontentare.

Il punto della correzione è che, via via che la fai, togli micron di trasparente, quindi se ho ben capito le correzioni sono "limitate" durante il ciclo di vita della vernice. Giusto?

Vedere il profilo dell'utente

fuento


Apprendista Detailer
Tieni sempre presente che prima di arrivare a lucidare o a dare un glass o la cera o che altro devi preparare la superficie quindi devi sempre seguire le fasi:
Prelavaggio
Lavaggio
Decontaminazione (chimica e meccanica)

Poi decidi: vuoi lucidare? Allora parti e decidi se farlo a mano o con la Ero per esempio. A mano stai tranquillo che trasparente ne levi una quantità illusoria e quindi non "consumi" nulla. Tu farai un mazzo esagerato per avere dei risultati sufficienti ma non correggi quasi nulla. Se lo farai con la lucidatrice essendo "hobbistica" trasparente non ne consumerai molto, certo non la utilizzerai tutte le settimane per lucidare sennò ciao trasparente ma sei tranquilissimo.

Non vuoi lucidare? Allora puoi optare le diverse strade: coprire, incerare e proteggere il lavoro fatto.

Come vedi ti si aprono molte strade...

Vedere il profilo dell'utente

pianista


Apprendista Detailer
e lo so... è proprio quello il problema!! Smile

Mentre a coprire, cerare e proteggere, virtualmente lo puoi fare tutte le volte che vuoi, mi sento forse più tranquillo psicologicamente a spalmare sulla vernice qualcosa che non la abrade...

Però ovviamente questo implica che, esaurita la copertura, dovrei rifare tutto il ciclo.

Ma una "correzione" vera e propria, invece, che durata ha?

Vedere il profilo dell'utente

fuento


Apprendista Detailer
Non c e una durata fissa.. Però tieni presente che con la fase taglio ci vai la prima volta per correggere i difetti più marcati. Poi per esempio dopo un 6/12 mesi ci fai un ciclo con polish medio o finitura che di trasp ne togli molto meno. Il tutto, ovviamente neanche a dirlo, se utilizzi le giuste tecniche di lavaggio/asciugatura ecc.. Se lucidi sabato e domenica mi butti la macchina sotto i rulli e me l asciughi con la pelle di daino il ciclo di correzione ti dura 24 ore..

Vedere il profilo dell'utente

pianista


Apprendista Detailer
Certo, ovviamente occorre mantenere tutte le accortezze, oramai il lavaggio ai rulli non mi vede più è chiaro.

Ancora devo ragionarci bene, comunque...

Vedere il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum