Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Off Topic » Di tutto di più... » Stop esenzione bollo auto storiche e aumento per tutti

Stop esenzione bollo auto storiche e aumento per tutti

Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 4 di 5]

magre1963


Apprendista Detailer
E quindi, riassumendo gli ultimi interventi, l'evasione delle tasse per la sopravvivenza della famiglia é accettato, condivisibile e anche un tantino giustificato.
Se non ricordo male mio nonno diceva che per mandare avanti la famiglia bisogna investire in essa, stessa cosa dovrebbe fare il famoso "paron".
La macchina nuova, la casa la mare, il rolex, la pelliccia o la barca non credo si possano considerare investimenti per il proprio futuro.
D'altro canto é giusto che chi investe il proprio denaro abbia a che guadagnarne e quindi la spesa per il "superfluo strettamente necessario per potersi definire agiati e padroni del proprio futuro" é cosa buona e giusta perché uno col proprio denaro ci fa quel che vuole.
Peró...
Si, mi stanno sorgendo dei dubbi in proposito:
Il tizio in questione usa le strade che sono pubbliche, si serve dell'ospedale che é pubblico, come pubblica é l'illuminazione, il decoro del paese, la polizia e la pulizia...
No, scusate...
Ricapitoliamo un attimo: io pago alla fonte fino all'ultimo centesimo di tasse, prima ancora che io prenda in mano il cedolino paga, quindi ho diritto ad avere tutte queste cose in quanto pubblico servizio, ma l'evasore fiscale (e non sto parlando del poveraccio che ha la bottega di ciabattino) ha i miei stessi diritti, usa come me il servizio pubblico che io pago, anzi, io lo pago due volte perché qualcuno lo usa senza contribuire, eppure lui é moralmente esentato dal contribuire oltre al mantenimento della res pubblica, anche al suo sviluppo...
Cosa dovrei rispondere allora ai miei figli quando mi chiedono che mondo gli sto preparando?
Con che coraggio posso guardarli in faccia e spiegar loro che io faccio quel che posso, lavorando anche gratis quando posso perché non tutti si possono permettere determinate consulenze, mentre il mio collega spende per la mancetta settimanale del figlio quel che io spendo per la casa in tre mesi?
Se a voi va bene nessun problema, ognuno ha le proprie convinzioni e con quelle deve convivere, ma allora a me non sta bene che ve la prendiate con lo stato, allora non mi sta bene che definiate lo stato "una canaglia" perché spreme i contribuenti e non perseguita gli evasori, cioé voi che lo fate per necessitá e per sopravvivenza (il voi é ipotetico perché qui nessuno evade le tasse e tutti siamo buoni e bravi) o voi che non denunciate l'idraulico evasore o il dentista ladrone perché vi scala una percentuale dalla parcella o dal dovuto se la fattura dimentichiamo di chiederla (quindi se accettate scendete al livello dell'evasore fiscale e la ruota torna a girare sempre piú vorticosamente...).
La brutta notizia é che lo stato non ha la sfera di cristallo o doti preveggenti per stanare i protetti dai derubati stessi, ma soprattutto lo stato siamo noi...
Tutto questo per dire che rispetto le idee e le realtá di reggio calabria o di palermo o di verona o di padova, rispetto le idee e la disarmante semplicitá propria del conto della serva: se lavori mangi, se non lavori non mangi, peró se vuoi lavorare e quindi mangiare devi sottostare alle regole imposte da chi sta sopra di te, rispetto tutto e tutti come dev'essere.
In questo caso, peró, non ve la dovete prendere con altri che con voi stessi quando il vicino di casa lava le auto a cinque euro e vi porta via il cliente, o quando scoprirete che alla fine del mese non ci si arriva perché manca la materia prima (il cliente stesso) perché non c'é lavoro e quindi non ci sono soldini per il superfluo e quindi la macchina la lavo io in garage (anche quella del mio vicino per i famosi cinque euro)...
Questo si chiama svendere la propria professionalitá per il classico tozzo di pane che riempie si la pancia, ma svuota dentro e ti lascia un amaro in bocca che difficilmente si toglie.
Magari anche perché sai che oggi hai la pancia meno vuota di ieri, ma il domani si prevede critico e le possibilitá si assottigliano sempre di piú.
Ah, intendiamoci: nessuna retorica e nessun falso moralismo da prima media: la macchina che ho é della banca per i prossimi 5 anni come lo é la casa dove abito per i futuri tre lustri, ho passato anch'io 20 anni a mangiare pane e cipolla, quando andava bene, per potermi mantenere gli studi lavorando e mantenendo la famiglia, visto che lo stipendio che entra in casa era e tuttora é solo il mio e anch'io ho passato parecchi anni a parare le terga e lavorare gratis per il solo aver un voto decente o il pezzo di carta in tasca con la famosa riga in calce: idoneo.
Quindi quando la prossima volta che leggete del tizio veneto che evade milioni o del caio siciliano a cui trovano decine di ville pur non avendo mai lavorato in vita sua, provate a pensare che il mio bisturi o la mia siringa costano 50 centesimi e ne ho sempre meno a mia disposizione non solo perché ci sono i baroni da mantenere, ma anche perché qualcuno si é fregato oltre ai nostri soldi anche il nostro futuro.
Questo é uno sfogo, magari non condivisibile o tacciabile di partigianeria, soprattutto per chi le tasse le paga in toto: chi evade ha la possibilitá di pagarsi quella siringa o quel bisturi come e quando meglio crede.
voi no.

Vedere il profilo dell'utente

danfra79


Detailer Novello
Beh ma guarda che condivido al 99%,anche i tuoi precedenti commenti

Vedere il profilo dell'utente

DanieleTuning


Apprendista Detailer
ragazzi, per la questione auto immatricolata all'estero continuo a non essere d'accordo, semplicemente perché siamo in europa...se non dobbiamo guardare al fuori per questioni di moralità, usciamone no? o c'è solo per pagare? da me ci sono un casino di sbarchi di clandestini... l'europa se ne lava le mani e dopo uno due giorni se ne vanno in giro indisturbati, a reggio calabria dove andranno a finire? le donne sul marciapiede e gli uomini a fare le pedine senza mangiarne e berne di chi se ne sta nella piscina. sono d'accordo che è corretto mantenere il sistema locale e non quello di fuori, ma se noi un giorno ci dichiariamo tutti fratelli in un unico grande continente, e il giorno dopo ognuno pretende senza dare.... ma ormai non conviene neanche più immatricolare all'estero e spostare i capitali per poi stare comunque sul chi va la, conviene proprio fare le valigie e andare dove il proprio lavoro è più gratificato, ripagato e tutelato, perché non ci rendiamo conto che con questo clima non viviamo più, stiamo sempre a pensare cosa può succedere e cosa no, persuasi dalle scadenze e dal fare 1000 lavori, il proprio principale, poi capirne un pò di legge e di contabilità altrimenti affidarsi agli altri può nuocere, non c'è fiducia nel futuro, versiamo contributi e tasse che non si sa poi se come e quando verranno adoperati o sperperati...dai, onestamente, un giovane può mai pensare di farsi una famiglia che possa vivere felice spensierata e contenta 100 lunghissimi anni di questa vita? dov'è che per regalare 5€ al figlio si dovrà fare un bonifico con comunicazione alla gdf , all'agenzia delle entrate, ai servizi segreti eccetera indicandone la provenienza con una cronologia cccongrua, e dov'è che i mendicanti invece di esporre il cartello ho fame ho un figlio ci scriveranno l'iban chiedendo 13€ invece di 10 così da pagare le tasse sui movimenti del c/c !!! leggete quel che pensa la direttrice dell'agenzia delle entrate e capirete che il mio sarcasmo non è poi così lontano dalla realtà a cui man mano andremo a scontrarci...

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

DavideSR


Moderatore
La situazione attuale è risultato del passato.
Limitatamente all'evasione, dagli anni 60 a tutti gli 80 e in parte negli anni 90 si è goduto di un certo benessere economico, la pressione fiscale non era ai livelli di oggigiorno eppure mi sa che l'evasione era anche più "violenta"...
La cosiddetta evasione di sopravvivenza mi pare sia solo una parte marginale di un fenomeno molto più ampio.

Vedere il profilo dell'utente

gianluca.brossa


Apprendista Detailer
Se è riferito al mio intervento, giusto per evitare fraintendimenti, la cosiddetta evasione di sopravvivenza che ritengo non accettabile semplicemente perchè mette su du piani diversi autonomi e dipendenti, come spiegato, la posso in qualche modo capire se dettata dalla disperazione del momento...ovviamente cellulare, tv plasma, casa al mare, macchina, barca ecc...non fanno parte dei beni necessari alla sopravvivenza

Vedere il profilo dell'utente

DanieleTuning


Apprendista Detailer
magre1963 ha scritto:E quindi, riassumendo gli ultimi interventi, l'evasione delle tasse per la sopravvivenza della famiglia é accettato, condivisibile e anche un tantino giustificato.
Se non ricordo male mio nonno diceva che per mandare avanti la famiglia bisogna investire in essa, stessa cosa dovrebbe fare il famoso "paron".
La macchina nuova, la casa la mare, il rolex, la pelliccia o la barca non credo si possano considerare investimenti per il proprio futuro.

In Italia di questo passo sicuramente no, magari arriva qualche commerciante estero che un giorno si compra tutto rivalutato!

magre1963 ha scritto:D'altro canto é giusto che chi investe il proprio denaro abbia a che guadagnarne e quindi la spesa per il "superfluo strettamente necessario per potersi definire agiati e padroni del proprio futuro" é cosa buona e giusta perché uno col proprio denaro ci fa quel che vuole.
Peró...
Si, mi stanno sorgendo dei dubbi in proposito:
Il tizio in questione usa le strade che sono pubbliche, si serve dell'ospedale che é pubblico, come pubblica é l'illuminazione, il decoro del paese, la polizia e la pulizia...

poi però scopri che per un ricovero ci vuole l'amicizia con un primario o direttamente con il dirigente dell'ospedale anche se le tasse le paghi.... poi scopri che l'illuminazione è scarsa così come le strade e ci lasci l'ammortizzatore o il motociclista ci lascia le penne...anche se paghi....scopri che per avere i documenti necessari ad aprire un'attività con un amico si fa prima (ovvero si fa nei tempi umani previsti e non oltre) poi scopri che regione, provincia, comune, imprenditori, mafia gestiscono in un'unica grande azienda il decoro, la pulizia, ma la tassa è salatissima e la spazzatura rimane lì insieme ai bambini che giocano a pallone...e dallo stato centrale non arriva alcun segnale se non annunci al tg, convention, tavole rotonde, giornate della legalità con ospiti i politicanti locali che il giorno dopo potrebbero essere al 416 bis.... scopri che il poliziotto non vuole intervenire perché è amico di quello che è uno importante da qualche parte, scopri che dopo che sei andato a denunciare un fatto va a fare la spia al denunciato e questo ti brucia la macchina o peggio...scopri che i finanzieri per qualche cortesia chiudono un occhio su qualcuno che evade per mantenersi sfarzi...scopri che qualche funzionario pubblico è stato assunto e sta lì proprio per volere di qualcuno che ha bisogno di informazioni e protezione...scopri che il delinquente che hai fatto arrestare per i torti subiti, con tante perplessità e paura, non si è fatto un giorno di carcere ed è libero di pianificare la sua vendetta mentre tu sei solo ed impaurito dopo aver usufruito della denuncia, dello stato...si ma le tasse le paghi! e tutto questo è pubblico o paghi o non paghi, ed è la dura realtà dei fatti

magre1963 ha scritto:(Il voi é ipotetico perché qui nessuno evade le tasse e tutti siamo buoni e bravi)
non voglio fare il gran bastardo ma la maggior parte di chi fa detailing non ha neanche una partita iva che centri lontanamente con le auto o con la carrozzeria


magre1963 ha scritto:o voi che non denunciate l'idraulico evasore o il dentista ladrone perché vi scala una percentuale dalla parcella o dal dovuto se la fattura dimentichiamo di chiederla (quindi se accettate scendete al livello dell'evasore fiscale e la ruota torna a girare sempre piú vorticosamente...)
L'Italia prevede l'innocenza per tre gradi di giudizio, figurarsi se ognuno di noi è in grado di stabilire se quell'idraulico è nella cacca o no e se una denuncia può rovinare la vita non a un contribuente, a un numero, ma a un essere umano...


magre1963 ha scritto:La brutta notizia é che lo stato non ha la sfera di cristallo o doti preveggenti per stanare i protetti dai derubati stessi, ma soprattutto lo stato siamo noi...
Lo stato i poteri li ha, per esempio ora da me ci sono le elezioni dopo il commissariamento indotto dall ex ministra Cancellieri, e so già come sappiamo tutti quì come si stanno muovendo certe persone per proseguire nel loro intento, minimamente toccato dal commissariamento. Lo dicono anche i magistrati che ci sono i soliti noti. Ma non lo sa nessuno.

magre1963 ha scritto:Tutto questo per dire che rispetto le idee e le realtá di reggio calabria o di palermo o di verona o di padova, rispetto le idee e la disarmante semplicitá propria del conto della serva: se lavori mangi, se non lavori non mangi, peró se vuoi lavorare e quindi mangiare devi sottostare alle regole imposte da chi sta sopra di te, rispetto tutto e tutti come dev'essere.
Appunto per questo chi sta sopra di noi dev' essere il primo a rispettarle, perchè si dice non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te...e poi anche per esempio di diligenza, il popolo va anche educato con le buone maniere, non solo con equitalia. Altrimenti è una faida, come con la mafia. Lo stato frusta con equitalia e poi la ripicca si fa sempre, non si finisce mai.

magre1963 ha scritto:In questo caso, peró, non ve la dovete prendere con altri che con voi stessi quando il vicino di casa lava le auto a cinque euro e vi porta via il cliente, o quando scoprirete che alla fine del mese non ci si arriva perché manca la materia prima (il cliente stesso) perché non c'é lavoro e quindi non ci sono soldini per il superfluo e quindi la macchina la lavo io in garage (anche quella del mio vicino per i famosi cinque euro)...
Me la prendo con me perché sono uno stronzo che cerca di fare tutto in regola ed ha paura di cascare se il commercialista sbaglia o se sbaglia lo stato, per esempio sono stato perseguitato da equitalia per bolli non pagati (per loro) ma pagati con tanto di ricevute conservate come una reliquia delle più preziose. Me la prendo anche con chi non ha mai vigilato fin adesso su chi lava le auto a 5 euro o a 3, perché ha fatto un danno irreparabile al settore che dovrebbe essere quello reale, fatto di qualità, onestà, garanzia e legalità.


magre1963 ha scritto:Questo si chiama svendere la propria professionalitá per il classico tozzo di pane che riempie si la pancia, ma svuota dentro e ti lascia un amaro in bocca che difficilmente si toglie.
La professionalità è andata a quel paese da tempo, non c'è gratificazione e congrua ricompensa per i sacrifici svolti.


magre1963 ha scritto:Ah, intendiamoci: nessuna retorica e nessun falso moralismo da prima media: la macchina che ho é della banca per i prossimi 5 anni come lo é la casa dove abito per i futuri tre lustri, ho passato anch'io 20 anni a mangiare pane e cipolla, quando andava bene, per potermi mantenere gli studi lavorando e mantenendo la famiglia, visto che lo stipendio che entra in casa era e tuttora é solo il mio e anch'io ho passato parecchi anni a parare le terga e lavorare gratis per il solo aver un voto decente o il pezzo di carta in tasca con la famosa riga in calce: idoneo.
Se sei partito da zero non potrai che confermare che il primo 1 guadagnato è stato in nero, lavorare per mantenere gli studi a soli a 20 anni significa lavorare in nero o avere i soldi dei genitori, perché nessuno propone un contratto e se lo propongono è immorale e rivolto a chi ha 30 anni di esperienza. Poi il caso ci può essere, ma non fa testo....

magre1963 ha scritto:Quindi quando la prossima volta che leggete del tizio veneto che evade milioni o del caio siciliano a cui trovano decine di ville pur non avendo mai lavorato in vita sua, provate a pensare che il mio bisturi o la mia siringa costano 50 centesimi e ne ho sempre meno a mia disposizione non solo perché ci sono i baroni da mantenere, ma anche perché qualcuno si é fregato oltre ai nostri soldi anche il nostro futuro.
Questo é uno sfogo, magari non condivisibile o tacciabile di partigianeria, soprattutto per chi le tasse le paga in toto: chi evade ha la possibilitá di pagarsi quella siringa o quel bisturi come e quando meglio crede.
voi no.
Penso che se un tizio veneto, in una regione più rigida rispetto alla mia, con più controlli, sia riuscito ad evadere milioni di euro sicuramente è stato appoggiato da qualcuno "pubblico", pagato da tutti. Già il siciliano ha più chance di farcela sulla carta.

tutto ciò sono i miei pensieri, per forza di cose condizionati dall'ambiente in cui vivo e con cui devo scontrarmi ogni giorno... ma che ogni volta che viaggio, vado fuori, vedo riflesso ovunque.

nulla di personale Wink

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

DanieleTuning


Apprendista Detailer
gianluca.brossa ha scritto:Se è riferito al mio intervento, giusto per evitare fraintendimenti, la cosiddetta evasione di sopravvivenza che ritengo non accettabile semplicemente perchè mette su du piani diversi autonomi e dipendenti, come spiegato, la posso in qualche modo capire se dettata dalla disperazione del momento...ovviamente cellulare, tv plasma, casa al mare, macchina, barca ecc...non fanno parte dei beni necessari alla sopravvivenza
oggi giorno ne fanno parte alcuni, senza la macchina in molte zone non ti muovi e non puoi neanche cercare un lavoro, potersi connettere e stare al passo con i tempi anch'esso è necessario altrimenti si è fuori dal giro.

caxxo, non ho whatsapp e mi prendono tutti per medievale!! ahah


comunque in conclusione non arriveremo a una conclusione...l'importante è scambiarci pareri ed esperienze perché non si finisce mai di imparare. finché non ci sarà qualche censura o tassa anche sulla rete.

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

gianluca.brossa


Apprendista Detailer
Hai ragione pure tu ma qua si aprirebbe un altro capitolo:funzionassero i servizi...prnsa che sono da poco tornato dalla Tanzania e li in alcune città (che definire così è un eufemismo) hanno la rete 4G pubblica e gratuita...certo non è una priorità, ma noi, che sulla carta siamo un paese avanzato, siamo lontani anni luce da una cosa del genere

Vedere il profilo dell'utente

ghid


Diplomato in Detailing
Secondo me non c'è la consapevolezza generale di un problema di fondo: intervenire sull'evasione con i metodo tradizionali (quantomeno quelli attualmente adottati) non può che portar alla morte di una già moribonda economia. O si riforma TUTTO, alla radice (cosa che il ns. potere ha dimostrato di non esser in grado di fare) o un inasprimento della pressione non può che produrre il risultato contrario.

Al di là della teoria, avete idea di come funzionino i controlli (parlo di tutta la "catena", dall'accertamento alla riscossione). Se vi va di difender questo sistema, dissento; se vi va di condannare il sistema nella sua interezza, quindi a monte e a valle, allora ne possiamo discutere.

Vedere il profilo dell'utente

magre1963


Apprendista Detailer
Daniele tuning...
"...Se sei partito da zero non potrai che confermare che il primo 1 guadagnato è stato in nero, lavorare per mantenere gli studi a soli a 20 anni significa lavorare in nero o avere i soldi dei genitori, perché nessuno propone un contratto e se lo propongono è immorale e rivolto a chi ha 30 anni di esperienza. Poi il caso ci può essere, ma non fa testo...."
Forse non hai letto bene o forse non mi son spiegato bene io:
a vent'anni avevo due figlie e una moglie che doveva badare ai marmocchi e l'unico stipendio (se non ricordo male era attorno al milione delle vecchie lire) era il mio.
Dalla cifra puoi desumere anche tu che di scuola non se ne poteva nemmeno parlare.
Gli studi me li son mantenuti una quindicina di anni dopo, quando le bimbe ormai son diventate donne con al loro volta marmocchi che corron per casa ed io oltre al tempo avevo qualche soldino da investire (meno male che non vi ho conosciuti allora altrimenti addio scuola e universitá).
Peró lo confesso:
A quattoridic'anni, appena finita la terza media, ho fatto l'apprendista idraulico da un amico di famiglia per, quasi mi vergogno a dirlo, cinquemilalire a settimana...
Ho contribuito anch'io al famoso baratro dei 2000 miliardi di euro di disavanzo? Si, in piccola parte ma é anche colpa mia.
Però, contrariamente al mio orientamento politico e personale, non vedo intorno a me tutta questa crisi (come ebbe a dire un delinquente pluripregiudicato qualche anno fa): in ambulatorio vedo ragazzini con l'aifon (alla veneta) che io non mi posso permettere, nonnini senza denti e senza possibilitá di comprarseli, accompagnati da figlie o badanti ingioiellate come boutique di cartier, procacciatori d'affari che sembrano sprizzare dollari e dobloni da tutti i pori pur di far acquistare questo o quel farmaco miracoloso.
Se mi avanza il tempo di andare a far una passeggiata in centro, la sera, scopro una pletora di nottambuli tutti uguali: venti o trent'anni, tutti apparentemente ricchi sfondati, tutti con la macchina meglio della mia parcheggiata in divieto di sosta sul marciapiede, tutti con il cellulare in mano che sembra la tv che ho in soggiorno (non ho mai capito a chi scrivi se sei in mezzo ai tuoi amici) tutti con lo spritz in mano (3-5 euro a calice) e tutti a bestemmiare banalitá che mi fa vergognare davvero di quel che sono e di cosa mi aspetta fra qualche anno...
Forse é davvero perché io vivo un'altra realtá, ma le cose mi sembrano un tantino drogate e sottostimate.
Speriamo che la pensione arrivi in fretta, almeno posso andarmene anch'io nel mio paesello di sogno: itanhaem, santos, brasil.
La si che c'é da fare per chi ha voglia di dare, la si che se sorridi a qualcuno per strada questi ti risponde con lo stesso sorriso e con la stessa voglia di farlo.
Forse perché laggiú il cellulare lo hanno in pochi?

PS
Nessun rancore davvero, solo un po' di rammarcio nel vedere che ci si perde d'animo e si cerca di afuggire il solo problema:
Lo stato siamo noi, lo stato siamo noi perché il governo, i governanti e i loro accoliti, i poliziotti, i carabinieri, i finanzieri e tutti quelli che dovrebbero vigilare affinché le cose vadano decentemente, sono italiani come noi.
Chi evade dieci euro lo fa perché può evadere solo quella cifra, se potesse evadere dieci milioni, credimi, lo farebbe nella stessa maniera.
La sopravvivenza per un nonnino sono i dieci euro per comprare il latte e il pane.
La sopravvivenza per un amministratore delegato sono i dieci milioni per comprare la barca nuova e le vancanze alle figlie alla galapagos.
É solo questione di punti di vista e di diversi gradi di sopravvivenzialitá, se mi passi il termine...

Vedere il profilo dell'utente

DanieleTuning


Apprendista Detailer
ghid ha scritto:Secondo me non c'è la consapevolezza generale di un problema di fondo: intervenire sull'evasione con i metodo tradizionali (quantomeno quelli attualmente adottati) non può che portar alla morte di una già moribonda economia. O si riforma TUTTO, alla radice (cosa che il ns. potere ha dimostrato di non esser in grado di fare) o un inasprimento della pressione non può che produrre il risultato contrario.

Al di là della teoria, avete idea di come funzionino i controlli (parlo di tutta la "catena", dall'accertamento alla riscossione). Se vi va di difender questo sistema, dissento; se vi va di condannare il sistema nella sua interezza, quindi a monte e a valle, allora ne possiamo discutere.
i controlli funzionano che hanno un obiettivo di tot. e lo devono raggiungere, dove si possono andare a prendere loro vanno, a prescindere se è evasione o meno, l'importante è che il contribuente non riesce a provare e ricostruire la storia dei suoi soldi.
Praticamente da me sarebbero tutti evasori, anche un bambino, a prescindere da quelli veri che ci sono, semplicemente perché le cose si tramandano, come la casa, e non c'è famiglia senza un nonno o uno zio che regala quello che può anche in denaro ai più giovani, frutto di anni di lavoro, pensione, liquidazione ecc.. Se in 10 anni vengono dati 20-50€ al giorno cosa se ne farà il nipotino con il gruzzoletto alla fine? Ecco dove il fisco può andare a prendere facilmente, da chi non sa neanche cos'è l'evasione. Perchè chi sa cos'è, se ne guarda bene. Nei grandi sequestri di patrimoni non pensate che dopo finiscono in mezzo ad una strada, il sequestrato è solo la parte visibile e reperibile.

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

PELO


Laureato in Detailing
DanieleTuning ha scritto:
non voglio fare il gran bastardo ma la maggior parte di chi fa detailing non ha neanche una partita iva che centri lontanamente con le auto o con la carrozzeria

Daniele, vedere che tipo di partita iva ha una qualsiasi attività è semplicissimo: basta andare nel sito del registro delle imprese o dell'agenzia delle entrate e inserire il numero di partita iva o il nome dell'impresa. Prima di dire certe cose, vai a controllare

e per risposta a qualche tuo post più sopra dove dici "chi è quel detailer che si mette a fare le ricevute per un lavaggio esterno o una pulizia interni", giusto per farti vedere che non bisogna fare di tutta l'erba un fascio.....nonostante io in teoria dovrei essere "predisposto" essendo nato e vissuto in ambienti "malati" in terronia
se vuoi ne ho tante altre





Vedere il profilo dell'utente http://www.elmocarcare.it

DanieleTuning


Apprendista Detailer
Giulio, figurati, non era certo rivolto a te né volevo fare di tutta l'erba un fascio Wink però, come detto, non voglio fare il gran bastardo... ma fidati, non ho detto una cosa inverosimile! Il terreno l'ho sondato bene entrando nel settore e non parlo della mia zona (calabria) che non c'è nessuno praticamente... poi ognuno che legge sa la propria posizione e si può fare un esame di coscienza, se ce l'ha.

io comunque ne ho due attività e tratto più settori, il detailing è una piccola fetta:
http://www.elencoservizi24.com/elenco/sicilia/Catania/Acireale/++Altro/AUTOMOBILI+DANIELETUNING.IT+DI+DANIELE+SURACE+E+ROSARIO+D%27ANNA+SOCIETA%27+A+RESPONSABILITA%27+LIMITATA+S.html
http://www.informazione-aziende.it/Azienda_AUTOMOBILI-DANIELETUNING-IT-PAOLO-FOTI

Avere tutto in regola con la lentezza della burocrazia odierna, l'ignoranza dei funzionari, gli errori di commercialisti mi è costato specialmente in salute per tutte le incazzature che mi son venute e soldi persi mentre guardavo il vicino con la solita erba sempre più verde ma con il dubbio sul come operasse , ed ovviamente ora se so che qualcuno sceglie la via più semplice non può che farmi incavolare.

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

Scout


Aiutante Detailer
Ciao,
Aggiungo una mia idea alle tante che avete espresso.
Premesso che sono d'accordo con l'abolzione del bollo auto storiche, perché trovo ingiusto che chi possiede auto di valore elevato, a volte veri e propri beni di rifugio in tempi di crisi, paghi delle tasse di proprietà ridicole (magari possedendo una vera collezione di auto).
Credo che si dovrebbe riformare questa tassa in modo più equo.
Il famoso bollo è stato, per opportunismo fiscale, trasformato in tassa di possesso.
In quanto tale si conviene che devo pagare allo stato un contributo sul bene di mia proprietà.
Allora trovo che non sia corretto che tale tassa rimanga inalterata nel tempo, perché l'auto (il bene di proprietà) nel tempo si svaluta. Quindi mi trovo a pagare una tassa su un mezzo, magari di 15 anni, pari a chi invece lo acquista nuovo.
E se l'obiezione sono i KW di potenza, anche in questo caso potrei sostenere che l'usura del motore non rende la potenza identica a quando i KM percorsi erano zero.

Ritengo questa tassa iniqua, al pari del passaggio di proprietà che in questo caso taglia le possibilità del mercato ell'usato. Questo però è un altro film.

buona giornata

Vedere il profilo dell'utente

ghid


Diplomato in Detailing
Scout ha scritto:Ciao,
Aggiungo una mia idea alle tante che avete espresso.
Premesso che sono d'accordo con l'abolzione del bollo auto storiche, perché trovo ingiusto che chi possiede auto di valore elevato, a volte veri e propri beni di rifugio in tempi di crisi, paghi delle tasse di proprietà ridicole (magari possedendo una vera collezione di auto).
Credo che si dovrebbe riformare questa tassa in modo più equo.
Il famoso bollo è stato, per opportunismo fiscale, trasformato in tassa di possesso.
In quanto tale si conviene che devo pagare allo stato un contributo sul bene di mia proprietà.
Allora trovo che non sia corretto che tale tassa rimanga inalterata nel tempo, perché l'auto (il bene di proprietà) nel tempo si svaluta. Quindi mi trovo a pagare una tassa su un mezzo, magari di 15 anni, pari a chi invece lo acquista nuovo.
E se l'obiezione sono i KW di potenza, anche in questo caso potrei sostenere che l'usura del motore non rende la potenza identica a quando i KM percorsi erano zero.

Ritengo questa tassa iniqua, al pari del passaggio di proprietà che in questo caso taglia le possibilità del mercato ell'usato. Questo però è un altro film.

buona giornata

Non solo rimane inalterato ma si alza, vista la classe ambientale ecc.

Vedere il profilo dell'utente

PELO


Laureato in Detailing
DanieleTuning ha scritto:Giulio, figurati, non era certo rivolto a te né volevo fare di tutta l'erba un fascio Wink però, come detto, non voglio fare il gran bastardo... ma fidati, non ho detto una cosa inverosimile! Il terreno l'ho sondato bene entrando nel settore e non parlo della mia zona (calabria) che non c'è nessuno praticamente... poi ognuno che legge sa la propria posizione e si può fare un esame di coscienza, se ce l'ha.

io comunque ne ho due attività e tratto più settori, il detailing è una piccola fetta:
http://www.elencoservizi24.com/elenco/sicilia/Catania/Acireale/++Altro/AUTOMOBILI+DANIELETUNING.IT+DI+DANIELE+SURACE+E+ROSARIO+D%27ANNA+SOCIETA%27+A+RESPONSABILITA%27+LIMITATA+S.html
http://www.informazione-aziende.it/Azienda_AUTOMOBILI-DANIELETUNING-IT-PAOLO-FOTI

Avere tutto in regola con la lentezza della burocrazia odierna, l'ignoranza dei funzionari, gli errori di commercialisti mi è costato specialmente in salute per tutte le incazzature che mi son venute e soldi persi mentre guardavo il vicino con la solita erba sempre più verde ma con il dubbio sul come operasse , ed ovviamente ora se so che qualcuno sceglie la via più semplice non può che farmi incavolare.

Beh onestamente siccome siamo tre gatti in Italia (parlo di quelli seri e che sanno quello che fanno), io mi sento chiamato in causa. Non serve sondare niente, basta verificare le varie partite iva e da quello che mi risulta i nomi più conosciuti sono legalmente apposto.
Sono d'accordo con te invece quando parli della burocrazia, dell'ignoranza dei funzionari e di molti commercialisti (di recente ho aiutato un utente di questo forum ad aprire correttamente la p.iva per il detailing con la giusta descrizione dei lavori, quando il suo commercialista ha sbraitato che non si poteva fare.....).
Tornando al bollo invece, la soluzione più sensata mi sembra quella della lista di modelli selezionati da un ente competente (ASI, RIVS, RIVA, etc etc...) e buttare fuori i possessori delle Panda e delle Uno che usano queste auto come muli da combattimento, facendo le sanguisughe alle spalle di chi viene spolpato ogni giorno da tutti i balzelli che ci sono sull'auto. Però sono contrario al fatto che uno che possiede un'auto d'epoca d'interesse storico, debba usarla per forza "poco". Io posseggo un auto che adoro guidare, mi piace, mi diverte, devo essere libero di farne l'uso che voglio, perchè comunque l'RC auto la pago per un periodo continuativo (che sia annuale, a sei mesi o a un mese poco importa) e mi sembra giusto così.

Vedere il profilo dell'utente http://www.elmocarcare.it

Scout


Aiutante Detailer
PELO ha scritto:
Beh onestamente siccome siamo tre gatti in Italia (parlo di quelli seri e che sanno quello che fanno)...
...(di recente ho aiutato un utente di questo forum ad aprire correttamente la p.iva per il detailing con la giusta descrizione dei lavori, quando il suo commercialista ha sbraitato che non si poteva fare.....
Sei stato molto altruista.
Anche a me piacerebbe iniziare un'attività simile, ma siccome sono un preciso vorrei prima imparare il mestiere...

PELO ha scritto:
Tornando al bollo invece, la soluzione più sensata mi sembra quella della lista di modelli selezionati da un ente competente (ASI, RIVS, RIVA, etc etc...) e buttare fuori i possessori delle Panda e delle Uno che usano queste auto come muli da combattimento, facendo le sanguisughe alle spalle di chi viene spolpato ogni giorno da tutti i balzelli che ci sono sull'auto. Però sono contrario al fatto che uno che possiede un'auto d'epoca d'interesse storico, debba usarla per forza "poco". Io posseggo un auto che adoro guidare, mi piace, mi diverte, devo essere libero di farne l'uso che voglio, perchè comunque l'RC auto la pago per un periodo continuativo (che sia annuale, a sei mesi o a un mese poco importa) e mi sembra giusto così.

Tornando al bollo: sono d'accordo sulle liste redatte da persone competenti, però credo che auto di valore o collezionisti che ne possiedono una, passatemi il termine, scuderia. Sono persone facoltose e pagare 30 euro per una Ferrari NART (275 spider)o una Aston Martin DB4, ecc. non lo trovo giusto.
Stessa cosa se il collezionista possiede diverse auto (3,5,10? Di più?)
Io mi sono regalato la Fiat Coupé (ha 15 anni), salvata dallo sfascio, dopo aver sognato per anni. Non dico che dovrei pagare 30 euro, ma neanche 350 come il possessore di una berlina da oltre 20.000 euro.

ciao

Vedere il profilo dell'utente

PELO


Laureato in Detailing
Scout il bollo per com'è oggi, è una tassa di possesso, non è una tassa a seconda del valore dell'auto

Vedere il profilo dell'utente http://www.elmocarcare.it

DanieleTuning


Apprendista Detailer
PELO ha scritto:
Beh onestamente siccome siamo tre gatti in Italia (parlo di quelli seri e che sanno quello che fanno), io mi sento chiamato in causa. Non serve sondare niente, basta verificare le varie partite iva e da quello che mi risulta i nomi più conosciuti sono legalmente apposto.
ce ne sono anche altri, seri sulla qualità del lavoro ma non altrettanto sull'aspetto legislativo. comunque torniamo a parlare del bollo, di questo magari ne discutiamo in privato così mi spiego meglio Wink

Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/www.DanieleTuning.it

Scout


Aiutante Detailer
PELO ha scritto:Scout il bollo per com'è oggi, è una tassa di possesso, non è una tassa a seconda del valore dell'auto

Lo so.
Ma appunto perché è una tassa sul possesso dovrebbe tenere conto del valore del bene, soprattutto nel caso di un auto che si svaluta velocemente.

Very Happy

Vedere il profilo dell'utente

by_xfile™


Apprendista Detailer
Il problema italiano é la guerra dei poveri e la guerra tra regioni cosi loro continuano a farsi i c@z loro e noi paghiamo.
Comunque il bollo é nato come tassa di circolazione per fare e sistemare le strade , ma poi come di consueto in Italia diventa tutt'altro.

Vedere il profilo dell'utente

ghid


Diplomato in Detailing
La legge di stabilità ha, alla fine, reintrodotto il bollo per le auto fra i 20 e i 30 anni ma c'è ancora molta confusione.
Alcune regioni hanno subito recepito le indicazioni del governo, altre hanno deciso di non modificare la legge in essere (e sembrano poterlo fare, visto che è un tributo regionale).
Da me, in Veneto, l'esenzione non è stata abolita.
Visto che è tutto molto poco chiaro, avete notizie riguardo le decisioni delle giunte delle vs. regioni?

Vedere il profilo dell'utente

Tetsuya86


Apprendista Detailer
In lombardia sembra che paghino ridotto le ventennali.
Qua nelle marche pultroppo sembra bollo pieno.
Dovrò pagare 185 € per una lancia prisma che fa 1000km all'anno.
Dire che c'è l'ho con il governo è poco................Col cavolo però che si abbassano lo stipendio o rinunciassero a qualche privilegio(ristorante,barbiere,auto blu,elicottero,voli,pernottamenti e spettacoli vari tutto gratis a spese degli italiani)

Vedere il profilo dell'utente

ghid


Diplomato in Detailing
Tetsuya86 ha scritto:In lombardia sembra che paghino ridotto le ventennali.
Qua nelle marche pultroppo sembra bollo pieno.
Dovrò pagare 185 € per una lancia prisma che fa 1000km all'anno.
Dire che c'è l'ho con il governo è poco................Col cavolo però che si abbassano lo stipendio o rinunciassero a qualche privilegio(ristorante,barbiere,auto blu,elicottero,voli,pernottamenti e spettacoli vari tutto gratis a spese degli italiani)


Ho sentito che Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana manterranno esenzione ma è un sentito dire... per certo so solo di Veneto e Lombardia.

Vedere il profilo dell'utente

Gerva90


Detailer Novello
Da lombardo la cosa mi fa piacere, non sono direttamente interessato ma il sogno del cassetto di una macchina anni '70 o '80 c'è sempre stato! Ci sarà la caccia ai prestanome veneti, lombardi, toscani, ecc.... Very Happy

Vedere il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 4 di 5]

Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum