Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Detailing » Guida all'acquisto » ironx o mafra p-ray o wolf oppure altri... indecisione...

ironx o mafra p-ray o wolf oppure altri... indecisione...

Andare alla pagina : Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

frask


Diplomato in Detailing
kekko28 ha scritto:non so se mi sono spiegato bene
Direi che non è una spiegazione impeccabile, faccio fatica anche ad interpretare/intuire Very Happy

Vedere il profilo dell'utente

kekko28


Detailer Novello
e lo so, con i giri di parole non sono bravo silent in poche parole intendevo dire che anche se va a finire sui dischi non fa niente, ma a spruzzarlo apposta sui dischi per me non ha senso.

Vedere il profilo dell'utente

Admin


Admin
nokias86 ha scritto:Grazie Admin, ma qual'è il componente che non va d'accordo con le pinze?

Soltanto le pinze? Oppure anche i dischi o componenti in alluminio ecc?

E' proprio il componente alla base di tutti gli iron remover (quello che fa diventare il liquido rosso, per inciso). 
Ma non è esatto dire che non va d'accordo con le pinze: accade solo con i particolari verniciati in modo non eccelso.
Daniele_ct ha scritto:
frask ha scritto:Visto che sono tutti a PH neutro io andrei con il più economico visto che non ci sono enormi differenze di risultato.

Non vorrei sbagliarmi, ma ho letto che p-ray ha ph 5,5!
@Admin Sai dirci qualcosa in merito ?

Confermo: P-Ray leggermente più acido Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedere il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

frask


Diplomato in Detailing
In uno dei miei precedenti messaggi erroneamente ho parlato del W6 con ph 7
In realtà, documentandomi nella scheda tecnica del prodotto, il W6 è un ph 3 come da scheda che allego.

In ogni caso, ritengo opportuno che il valore del ph non è il parametro assoluto, secondo il mio modesto e in quanto tale opinabile parere, dobbiamo far riferimento al tipo di ingredienti contenuti nei vari Iron Remover, nella fattispecie, dobbiamo vedere la presenza di eventuali ingredienti caustici.
Nel caso del W6 non sono presenti, quindi, non è deleterio nei confronti di alcuna protezione che si possa scegliere.
In sostanza, sembra di capire che il ph 3 del W6 dovremmo interpretarlo solo come maggiore pulizia...in base ai test di Gtechniq sui 100 cicli di applicazione sembra non aver avuto alcun effetto negativo.

Vedere il profilo dell'utente

Roby Pozzato


Detailer Novello
Interessante. Stai dicendo che una forte alcalinità o acidità non sono, di per sé, indice di "aggressività" di un detergente? Spiegare, please. Vogliamo sapere cosa decera, quanto e perché! Very Happy

Vedere il profilo dell'utente

frask


Diplomato in Detailing
Roby Pozzato ha scritto:Interessante. Stai dicendo che una forte alcalinità o acidità non sono, di per sé, indice di "aggressività" di un detergente?
Secondo il mio personale parere (è ovvio che anch'io avrei piacere di un riscontro su quanto detto/sto dicendo con Antonio) giudicare la compatibilità di un prodotto con le varie protezioni SOLO con l'indice di ph è un errore in quanto non è un parametro assoluto.
Ti faccio un esempio, tu preferiresti un W6 con ph 3 e nessuna traccia caustica o un altro Iron Remover con ph bilanciato/neutro 6/7 e con dentro la presenza di elementi caustici?
Io prenderei in considerazione più il primo caso anche perchè uso un Iron Remover non solo pre protezione ma anche durante, mediamente ogni 3 mesi.
Il ph arrecherebbe una maggiore pulizia e rimane comunque un dato importante ma è ben più importante la presenza/tracce di sostanze caustiche come i vari acidi che se applicati su protezione si fanno un pò sentire.

Vedere il profilo dell'utente

Admin


Admin
In realtà il discorso di frask non è campato in area. 
Aggiungo che solo i test pratici possono dare una risposta certa sulla compatibilità tra una protezione ed un detergente. Il ph può non essere un indice mentre il resto della composizione chimica si. Solo provando si potrà dare una risposta certa.


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedere il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

Roby Pozzato


Detailer Novello
Grazie ad entrambi, ma mi spiego meglio. Smile

Non sono un chimico, quindi uso/comprendo solo concetti semplici. Smile  Non ho mai pensato ad un elemento come qualcosa di diverso da "acido/neutro/alcalino", nella mia fantasia un prodotto "caustico" è un prodotto molto acido o molto alcalino. E' evidente che non è così, e che una minilezione di "chimica per negati" mi sarebbe oltremodo utile. Wink

By the way: capisco che un prodotto possa essere "neutro e caustico" (qualunque cosa ciò significhi Smile ), e quindi aggressivo, ma va da sé (o no?) che un prodotto "acido e non caustico" o "alcalino e non caustico" sia comunque aggressivo. E' corretto?

Vedere il profilo dell'utente

frask


Diplomato in Detailing
Roby Pozzato ha scritto:By the way: capisco che un prodotto possa essere "neutro e caustico" (qualunque cosa ciò significhi Smile ), e quindi aggressivo, ma va da sé (o no?) che un prodotto "acido e non caustico" o "alcalino e non caustico" sia comunque aggressivo. E' corretto?
Potresti trovare in qualche Iron Remover tracce di acidi e solo questi potrebbero essere aggressivi nei confronti di una protezione che non sia nano ma rimane comunque cosa di poco conto.
Il discorso dell'acidità "non caustica" (l'alcalinità la vedo un pò dura che la trovi negli Iron Remover) sta ad indicare che il prodotto in questione va un pò oltre la semplice rimozione di particelle di ferro, quindi, otterresti maggiore pulizia ma se esiste veramente dello sporco interagirà con questo e non con altro, quindi, non parlerei di aggressività.
Nel caso di prodotti neutri la reazione si ferma solo alla rimozione di particelle di ferro e nient'altro.
I test di Gtechniq effettuati su 100 cicli non parlano di decadimenti particolari.
Car Pro invece raccomanda l'uso di IronX su Cquartz senza alcun problema, invece sui sigillanti, l'uso sporadico di IronX influenza non di molto sulla sua durata.
Detto ciò, basta leggersi le schede tecniche degli Iron Remover (si possono trovare in rete) e rendersi conto da soli su tutte le varie sostanze contenute e così scegliere il tipo di Iron Remover che meglio si addice alle nostre necessità.

Vedere il profilo dell'utente

nokias86


Apprendista Detailer
Grazie a tutti,preziose informazioni...

Vedere il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Andare alla pagina : Precedente  1, 2

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum