Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Galleria » I vostri lavori... » Test vetri: Nanolex premium vs G-techniq G1 vs Nanologico cristalight

Test vetri: Nanolex premium vs G-techniq G1 vs Nanologico cristalight

Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 6]

Depaip

avatar
Diplomato in Detailing
A me sembrano identici. Sono d'accordo con Walter, forse è meglio se la prova la rifai con un getto d'acqua , l'idrorepellenza è l'arma di questi prodotti.



Ultima modifica di Depaip il Ven 29 Ott 2010 - 18:19, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente

Admin

avatar
Admin
ragazzi ci vorrà un pò di tempo, secondo me almeno 3-5 mesi, per poter dare una valutazione più precisa.


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

carletto83

avatar
Detailer Novello
DSW ha scritto:Carlo per me dovresti integrare con qualche altra prova perchè queste non aiutano a capire molto, valgono poco sulla vernice, zero sui vetri.
Il beading a cosa serve sui vetri? Per lo sheeting potrebbe invece servire ma devi farlo con un getto d'acqua ma lento e continuo non so se mi hai capito.
Comunqne la prova che più serve è im movimento, bisogna vedere a che velocità il prodotto è effettivo e naturalmente valutare questo con la durata.

sinceramente non ho ancora ben capito a cosa serve il beading sulla vernice....
quando piove poco mi rimangono i pallini di sabbiolina una volta evaporate le goccie scratch

Vedi il profilo dell'utente

Depaip

avatar
Diplomato in Detailing
carletto83 ha scritto:
sinceramente non ho ancora ben capito a cosa serve il beading sulla vernice....
L'effetto scenico è tipico di questi prodotti..............ma il vero beneficio è altro

Vedi il profilo dell'utente

Admin

avatar
Admin
non è che il beading abbia una funzione pratica: è solo la dimostrazione del fatto che che sull'auto ci sia una specie di film che tenda a respingere l'acqua.
è chiaro che poi in movimento quell'acqua scivola e lascia la superficie pulita, ma se, al contrario, la vettura è ferma il calcare o lo sporco contenuto lasceranno le proprie tracce.


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

carletto83

avatar
Detailer Novello
Admin ha scritto:non è che il beading abbia una funzione pratica: è solo la dimostrazione del fatto che che sull'auto ci sia una specie di film che tenda a respingere l'acqua.
è chiaro che poi in movimento quell'acqua scivola e lascia la superficie pulita, ma se, al contrario, la vettura è ferma il calcare o lo sporco contenuto lasceranno le proprie tracce.

esatto... con Aquartz però ho notato delle differenze.. non ha un bel beading,
ma di sporco ne rimaneva meno..

Vedi il profilo dell'utente

carletto83

avatar
Detailer Novello
Depaip ha scritto:
carletto83 ha scritto:
sinceramente non ho ancora ben capito a cosa serve il beading sulla vernice....
L'effetto scenico è tipico di questi prodotti..............ma il vero beneficio è altro

secondo te quali sono i benefici da ricercare?

Vedi il profilo dell'utente

Depaip

avatar
Diplomato in Detailing
Per i vetri sicuramente la durata e la capacità a far scivolare l'acqua. Se guardi alcuni video dove usano il Rain X, vedi come cercano di far capire ( in prove comparative) che la sigillatura c'è , la repellenza avviene, la durata ci siamo........però alcuni video fanno praticamente vedere che anche a bassa velocità l'acqua praticamente viene spazzata via. Io non lo terrei sottovalutato questo fattore, anche perchè nelle prove con il veicolo fermo capisci solo quanto hai sigillato.

Vedi il profilo dell'utente

carletto83

avatar
Detailer Novello
Depaip ha scritto:Per i vetri sicuramente la durata e la capacità a far scivolare l'acqua. Se guardi alcuni video dove usano il Rain X, vedi come cercano di far capire ( in prove comparative) che la sigillatura c'è , la repellenza avviene, la durata ci siamo........però alcuni video fanno praticamente vedere che anche a bassa velocità l'acqua praticamente viene spazzata via. Io non lo terrei sottovalutato questo fattore, anche perchè nelle prove con il veicolo fermo capisci solo quanto hai sigillato.

ecco, ottima valutazione.
se dovessi scegliere, cercherei appunto quello che ha la capacità di far scivolare
via l'acqua alla velocità più bassa...

Vedi il profilo dell'utente

DSW


Diplomato in Detailing
carletto83 ha scritto:
Admin ha scritto:non è che il beading abbia una funzione pratica: è solo la dimostrazione del fatto che che sull'auto ci sia una specie di film che tenda a respingere l'acqua.
è chiaro che poi in movimento quell'acqua scivola e lascia la superficie pulita, ma se, al contrario, la vettura è ferma il calcare o lo sporco contenuto lasceranno le proprie tracce.

esatto... con Aquartz però ho notato delle differenze.. non ha un bel beading,
ma di sporco ne rimaneva meno..

Aquartz non è idrofobico, è idrofilico e quindi non ha beading, il beading di per se non vuol dire protezione, è solo segno di tensione superficiale, ma indirettamente mostra che c'è un rivestimento quindi si suppone protezione.
Il beading sarebbe utile invece per le proprietà di auto-pulizia del rivestimento ma occorre che il rivestimento sia superifrofobico, in caso contrario non è utile, anzi può creare solo problemi.
Aquartz segue un'altra strada, quello dell'idrofilicità e della fotocatalisi credo, per questo pur senza beading rimane più pulità.
Lo stesso si dovrebbe avere per rivestimenti superidrofobici che si suppone debbano essere prodotti tipo extreme plus, g-techiq c1, cquartz,ecc, sono due strade diverse che portano/dovrebbero portare allo stesso risultato.
Non essendo un chimico mi è difficile spiegare meglio e dire di più, chi è però interessato può capire di più cercando termini quali idrofobico, idrofilico, tensione superficiale, bagnabilità, Model Wenzel e Cassie-Baxter, ecc.



Ultima modifica di DSW il Sab 30 Ott 2010 - 9:48, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente

carletto83

avatar
Detailer Novello
DSW ha scritto:
carletto83 ha scritto:
Admin ha scritto:non è che il beading abbia una funzione pratica: è solo la dimostrazione del fatto che che sull'auto ci sia una specie di film che tenda a respingere l'acqua.
è chiaro che poi in movimento quell'acqua scivola e lascia la superficie pulita, ma se, al contrario, la vettura è ferma il calcare o lo sporco contenuto lasceranno le proprie tracce.

esatto... con Aquartz però ho notato delle differenze.. non ha un bel beading,
ma di sporco ne rimaneva meno..

Aquartz non è idrofobico, è idrofilico e quindi non ha beading, il beading di per se non vuol dire protezione, è solo segno di tensione di superficiale, ma indirettamente mostra che c'è un rivestimento quindi si suppone protezione.
Il beading sarebbe utile invece per le proprietà di auto-pulizia del rivestimento ma occorre che il rivestimento sia superifrofobico, in caso contrario non è utile, anzi può creare solo poblemi.
Aquartz segue un'altra strada, quello dell'idrofilicità e della fotocatalisi credo, per questo pur senza beading rimane più pulità.
Lo stesso si dovrebbe avere per rivestimenti superidrofobici che si suppone debbano essere prodotti tipo extreme plus, g-techiq c1, cquartz,ecc, sono due strade diverse che portano/dovrebbero portare allo stesso risultato.
Non essendo un chimico mi è difficile spiegare meglio e dire di più, chi è però interessato può capire di più cercando termini quali idrofobico, idrofilico, tensione superficiale, bagnabilità, Model Wenzel e Cossie-Baxter, ecc.


cacchio DSW! te lo già detto ma ti ripeto che sei meglio di un motore di ricerca! Very Happy
Grazie per lo spunto, ora vedrò di capirci di più!!

Vedi il profilo dell'utente

Gianlu_vr

avatar
Detailer Novello
Grazie Carlo86.. interessante questo test!!!
Poi ci sono anche i video... Very Happy Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

carletto83

avatar
Detailer Novello
In effetti c'è una bella differenza tra IDROFOBICO e SUPERIDROFOBICO...

non è facile capirci bene, nelle ricerche ci sono diversi termini che andrebbero
chiariti...

Comunque questa foto aiuta a capire:

-Goccia di rugiada sulla superficie superidrofobica di una foglia-


se la superficie della foglia fosse invece IDROFOBICA la goccia si vedrebbe solo
per metà, cioè l'angolo di contatto sarebbe dai 90° a 150° (di beading con questo tipo di goccie ne abbiamo già visti parecchi), mentre dai 150° a 360° la superficie è SUPERIDROFOBICA!



Vedi il profilo dell'utente

Carlo86

avatar
Detailer Novello
non credo che esistano sigillanti superidrofobici... è dura copiare la creazione...

Vedi il profilo dell'utente http://www.solodettagli.it

carletto83

avatar
Detailer Novello
Carlo86 ha scritto:non credo che esistano sigillanti superidrofobici... è dura copiare la creazione...

Ahahah, figa la goccia perfettamente sferica! eh?!

è vero, è dura, ma non credo impossibile...
penso che chi produce, per esempio, sigillanti per vetri stia cercando di raggiungere quel livello, e se si raggiunge, sul vetro le gocce sembrerebbero proiettili!! Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

Carlo86

avatar
Detailer Novello
basterebbe un minimo di inclinazione per rendere tutta l'auto COMPLETAMENTE asciutta Twisted Evil

Vedi il profilo dell'utente http://www.solodettagli.it

carletto83

avatar
Detailer Novello
Carlo86 ha scritto:basterebbe un minimo di inclinazione per rendere tutta l'auto COMPLETAMENTE asciutta Twisted Evil

facciamo un gradino in garage dove ci sali con due ruote quando la ritiri! Very Happy
chissa magari un giorno.... Rolling Eyes

Vedi il profilo dell'utente

Ziochemio

avatar
Detailer Novello
E bravo Carlo... Tra lunedì e martedì farai quel test dal vivo (previsioni Meteo.it). Poi ci darai le tue impressioni.

Vedi il profilo dell'utente

Depaip

avatar
Diplomato in Detailing
e pensare che è tutto questione di tensione..............che ricordi la chimica!

Vedi il profilo dell'utente

dangerous

avatar
Detailer Novello
Carlo86 ha scritto:C1 o G1?

C1

Vedi il profilo dell'utente

carletto83

avatar
Detailer Novello
dangerous ha scritto:
Carlo86 ha scritto:C1 o G1?

C1

complimenti, da quello che avevo capito non era facile averlo...

Vedi il profilo dell'utente

Carlo86

avatar
Detailer Novello
dangerous ha scritto:
Carlo86 ha scritto:C1 o G1?

C1

E che c'entra coi vetri? Suspect

Cmq occhio a quello che con quest'umidita cristallizza subito

Vedi il profilo dell'utente http://www.solodettagli.it

Depaip

avatar
Diplomato in Detailing
A volte ci fossilizziamo su un punto. Questa prova vuole dimostrare cosa? Longevità del prodotto o ottima idrofobia? Io ripeto voglio essere sincero, di prodotti così ce ne sono molti, ma questi sono di nicchia. Prima di fare un resoconto corretto avete anche idea che spesso si può sigillare con una buona cera? Non vuol dire che questo è il miglior metodo, ma a volte sembra che la prima cosa da far vedere e giudicare è l'effetto bending. Io personalmente uso una cera che è durata 3 mesi lo scorso inverno su un auto usata tutti i giorni, parcheggiata fuori e che prende l'inverno milanese. La mia è e rimane una opinione, che fino ad ora non mi ha dato problemi, spesso utilizzo anche altri prodotti per i vetri, ma ciò non toglie che quelli testati non sono malvagi, ma veramente siamo sicuri che sono le uniche alternative?

Vedi il profilo dell'utente

Ziochemio

avatar
Detailer Novello
Allora Carlééé???... Qual'è dei tre sigillanti per vetri quello che ti soddisfa di più???

Vedi il profilo dell'utente

Newentry

avatar
Moderatore
Posto che la cera, pur se ottimo sigillante è meglio evitarla ai vetri, mi sembrano buoni prodotti (da quel che si può vedere da foto e filmatino).
Non concordo sull'attesa annuale (o quasi) per valutare il prodotto. Per esser buono, a mio personale avviso, deve fugar via bene l'acqua. Certo se poi dura un mese è un conto, ma neanche si può pretendere la durata di anni. O meglio, se dura anni tanto di guadagnato. Ma se già si va sui 2-3 mesi direi che ci si può accontentare. In ogni caso credo che i test sul prodotto di specie debbano necessariamente essere 2: uno sulla bontà del prodotto circa la funzione a cui è destinato; l'altro sulla durata e longevità a pieno funzionamento. Quindi, se mai, si dovrebbe dire "per ora è..." e non attendere mesi per valutare il prodotto se non limitatamente alla seconda parte del test.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 6]

Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum