Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Off Topic » Di tutto di più... » onore ed oneri, responsabili - responsabilità

onore ed oneri, responsabili - responsabilità

Andare alla pagina : Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

manuweb007


Diplomato in Detailing
Bravo Ale almeno ne saremo tutti consapevoli la prossima volta What a Face Wink +

Vedere il profilo dell'utente

Fabri


Detailer Novello
raviola ha scritto:
In questo caso vi sarebbe un vero e proprio contratto (uno si impegna a eseguire il lavoro, l’altro a pagare un prezzo)

E in un lavoro eseguito a regola d'arte e l'altro non paga? Evil or Very Mad

Vedere il profilo dell'utente

raviola


Miglior Detailing 2013
Miglior Detailing 2013
ciao Fabri se non ero tu sei un carrozziere con regolare officina etcc etcc giusto?
in tal caso la legge ti tutela dandoti modo di esercitare il diritto di ritenzione ossia un particolare privilegio e forma di autotutela in favore del creditore che consiste nel trattenere un qualcosa che si dovrebbe restituire al proprietario per indurlo al pagamento e cio all'adempimento della propria obbligazione.

E' una misura coercitiva riconosciuta anche all'autoriparatore (meccanico, carrozziere, elettrauto) il quale a fronte di una fattura emessa e non pagata per aver eseguito l'opera di miglioria o di riparazione su un autoveicolo o altro bene custodito per tal fine e per aver sostenuto delle spese relative alla conservazione ed al miglioramento del bene, ben può, grazie al privilegio previsto dall?art. 2756, comma 3 c.c., restituirlo solo dopo l'esatto adempimento da parte del debitore. Il creditore può, altresì, vendere il bene rispettando però le formalità per la vendita del pegno, al fine di evitare la configurazione del reato di appropriazione indebita (art. 646 c.p.).

Il diritto di ritenzione, in quanto strumento di autotutela dei privati, è strumento eccezionale che non può tradursi in un impossessamento prolungato e senza termine del bene del debitore, ma è consentito dalla legge solo a garanzia del credito mediante la vendita del bene medesimo, ex art. 2756 c.c., preceduta dalla intimazione al pagamento al debitore.

Per tale ragione per il migliore esercizio del diritto di ritenzione è opportuno provvedere tempestivamente a richiedere al debitore tutte le somme dallo stesso dovute mediante una semplice ma formale scritta messa in mora a mezzo lettera raccomandata.
il diritto di ritenzione oltre che essere espressamente previsto dalla legge può anche essere oggetto di autonomia negoziale ossia si può stabilire tra le parti nel contratto che si andrà a stipulare

qualora invece il veicolo sia stato riconsegnato non restano che i normali canali del decreto ingiuntivo , precetto e pignoramento dei beni del debitore.

Vedere il profilo dell'utente http://www.agdetailing.it

by_xfile™


Apprendista Detailer
Scusate ma voi non avete l'assicurazione professionale? O qualcosa del genere.

Vedere il profilo dell'utente

Luchino


Apprendista Detailer
Credo che oggi qualsiasi artigiano come minimo si fa una polizza professionale per danni e tutela legale... Ce l'hanno i dentisti, idraulici, edili e tutti i liberi professionisti del terziario... Non costa neanche tantissimo (è proporzionata alla professione e massimali) rispetto a quanto può costare una singola mediazione+sentenza primo grado con perizie di parte e d'ufficio su un'auto.

Sarebbe pazzesco oggi intraprendere un lavoro senza assicurazione. Nel mio settore immobiliare addirittura l'associazione di categoria ne fornisce una di default a tutti i soci italiani.

Conoscendo però un lavaggista me ne racconta di tutti i colori di "clienti" balordi che cercano soldi per danni con ogni pretesto e li se trovano uno troppo buono - ditta individuale con beni registrati - gli mangiano tutto e la compagnia ass.va da un ben servito... Anche perchè tendenzialmente evitano di pagare cercando a loro volta garbugli e quindi altro avvocato per difenderti sia dal cliente balordo sia dalla compagnia che per pretesti non riconosce le condizioni.

A prescindere di ciò certa gente comunque è meglio non averla come cliente e declinare proposte strane, anche perchè nella mia piccola città (in declino di popolazione e redditi) ci sono oltre 600 avvocati in continua crescita e quindi da qualche parte devono sopravvivere, sulle spalle della brava gente perchè quella balorda (o incapiente) o non li paga o non se ne preoccupa.

Vedere il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Andare alla pagina : Precedente  1, 2

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum