Il sito numero 1 in Italia per Detailing e Cura DellAuto!

Non sei connesso Connettiti o registrati

LaCuraDellAuto - Detailing Forum » Le guide di lacuradellauto.it » Le guide » La valutazione del danno

La valutazione del danno

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1 La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 16:36

Admin

avatar
Admin
La valutazione del danno

Uno degli argomenti che spesso affronto con i clienti, anche via mail, riguarda la valutazione del danno ed il conseguente ciclo da eseguire per ottenere la soluzione di un problema.
Mi rendo conto, però, che molto spesso si fatica a valutare correttamente la condizione di partenza di una carrozzeria.
Con questa guida, tratta in larga parte dai consigli che un grandissimo del care care (Mike Philips) ha stilato, proveremo a fornire qualche elemento utile a questo tipo di analisi, e a capire quanto sia importante, prima di cominciare l’azione di lucidatura vera e propria, cercare di conoscere l’esatta portata del danno e di conseguenza attivare il ciclo più opportuno, senza che possa rivelarsi o troppo aggressivo o eccessivamente blando.

L’ologramma

Tra i problemi di superficie più leggeri e pertanto di semplice soluzione abbiamo gli ologrammi.
Eccone qualche esempio:



Gli ologrammi sono il primo segnale che la vettura in questione sia stata già “lucidata” in precedenza. Essi sono causati dal lavoro di una lucidatrice rotativa e sono provocati soprattutto dal taglio dei tamponi in lana, anche se spesso possono essere ricondotti anche al lavoro di alcuni tamponi in spugna.
Sono una conseguenza quasi normale quando si esegue un lavoro di taglio o correzione profonda e sono visibili sopratutto in particolari condizioni di luce diretta.
Si tratta tuttavia, come detto in precedenza, di danni molto superficiali, che interessano il primo livello di superficie e sono, pertanto, di semplice soluzione: una finitura eseguita con le tecniche giuste (es. Zenith) ed i prodotti ed i tamponi adatti, riporta la superficie in uno stato perfetto.

Gli swirls

Quando sull’auto si presentano micrograffi con una forma somigliante ad una ragnatela, siamo davanti agli swirls:



La maggior parte degli swirls sono la conseguenza di un lavaggio (e successiva asciugatura) condotta in modo non perfetto.
Ma anche l’uso quotidiano dell’auto ed il depositarsi di polvere e sedimenti, potrebbero essere causa di swirls.
La superficie appare alla vista compromessa e, nei casi più gravi, anche la brillantezza viene decisamente meno: il colore perde la sua profondità e la riflessione della luce non è pari a quella di una carrozzeria con finitura perfetta.
Tuttavia, anche gli swirls rappresentano un danno di superficie e possono essere corretti in modo tutto sommato semplice e veloce: si consiglia di procedere sempre con la soluzione più leggera tra quelle disponibili, perchè molto spesso gli swirls non sono profondi e si rivelano di semplice rimozione.

RIDS

Quello che molto spesso gli swirls nascondono e rivelano solo una volta rimossi sono i RIDS:


Dobbiamo, ancora una volta, a Mike Philips la nascita di questo termine. Egli infatti aveva definito RIDS quei segni che molto spesso appaiono dopo aver rimosso gli swirls di superficie. Mike si era reso conto di come i suoi allievi attribuissero la comparsa di questi segni all’azione della lucidatrice: in realtà i RIDS sono spesso nascosti dagli swirls e riemergono una volta che la superficie appare, per così dire, pulita.
Ecco che ha coniato il termine che identifica i Random Isolated Deeper Scratches.
Per random il buon Mike intende sottolineare come questo tipo di difetto sia casuale, non collegabile immediatamente ad una causa: una pietrolina lanciata da un’auto in corsa oppure un ramo che sporge, potrebbero aver tracciato il segno, ma non potremo mai affermarlo con certezza.
Isolated perchè nella maggior parte dei casi si tratta di segni che si presentano soli e non fanno parte di un gruppo di graffi.
Deeper... è forse l’aspetto più controverso dei RIDS e quello che, tra l’altro, determina il tipo di lavoro da eseguire ed il ciclo da scegliere. I RIDS possono essere più o meno profondi ed è importante stabilirlo perchè potremmo essere davanti a graffi che necessitano di una correzione lieve oppure di maniere forti; potrebbe essere necessaria la carteggiatura, oppure i segni presenti potrebbero spingere il detailer a non curarsene affatto perchè la zona necessita di una nuova verniciatura.
E qui torniamo all’importanza della valutazione del danno: potreste essere davanti ad un difetto che non preveda il lavoro di un lucidatore ma di un buon verniciatore...
Scratches perchè di graffi si tratta: che siano piccoli o lunghi, frutto dell’attrito contro un’auto, un muretto o altro, stiamo sempre parlando di graffi.

Calcare

Ecco cosa succede ad un’auto in presenza di calcare:


Il calcare potrebbe rappresentare un problema particolare per un’auto.
Non è sempre facile stabilirne la gravità e solo approfonditi test spot possono portare a risposte più certe e ad una soluzione del danno.
Solitamente queste macchie sono causate dall’acqua calcarea che rimane sull’auto in condizioni particolari: vettura calda, temperatura elevata, trasparente appena applicato, acqua ricca di minerali oppure prodotto detergente aggressivo.
Si tratta di un dilemma che potrebbe essere più ingarbugliato del previsto dato che è necessario stabilire quanto siano penetrate le gocce all’interno del trasparente e che tipo di correzione sia necessaria.
Potrebbe bastare un semplice lavaggio con uno shampoo adatto oppure essere necessario ricorrere al compound più potente: sarà opportuno eseguire tutte le verifiche del caso in presenza di questo tipo di problema.
Controllate anche che il lavoro scelto sia resistente alle alte temperature: i segni di calcare potrebbero infatti riemergere quando la superficie raggiunge temperature più elevate.

La buccia d’arancia

Ne abbiamo già parlato nel forum, ma quello della buccia d’arancia rimane uno dei temi più interessanti da trattare.


Il tipo di finiture oggi adottate dalle case automobilistiche come primo impianto è sempre più spesso carente. I robot chiamati a rifinire le vetture hanno, tra i tanti, anche il compito di velocizzare le operazioni di verniciatura e risparmiare il materiale utilizzato.
Questo purtroppo, sia in catena di montaggio che in carrozzeria, può comportare la comparsa della buccia d’arancia.
Il trasparente non appare steso in modo uniforme e la riflessione ed il gloss che ne derivano sono inferiori alle attese.
La buccia d’arancia non è un problema che ammette soluzioni semplici: si tratta di livellare l’ultimo strato di verniciatura e l’unico modo per ottenere questo effetto è dato dalla carteggiatura: con le carte abrasive si elimina il materiale che emerge, portandolo ad uno spessore pari a quello delle zone meno ricche di materiale, ed in questo modo si riporta una condizione di perfetta finitura.

I segni di carteggiatura

Molto spesso sono difficili da vedere:


I segni di carteggiatura sono frutto di un precedente lavoro di correzione con gli abrasivi. Potrebbe rivelarsi piuttosto impegnativa l’azione di rimozione con la sola lucidatrice: molto spesso è opportuno carteggiare nuovamente la zona con abrasivi più leggeri e con le giuste tecniche onde evitare di creare nuovi segni.
La tecnica di incrocio degli abrasivi è sempre perfetta.
Si comincia con la grana più agressiva:


e si incrocia con quella più leggera:


Le code di maiale

Le code di maiale (pigstail) sono tutto sommato di semplice lettura:



Sono state causate dal movimento di uno strumento rotorbitale. Che si tratti di una lucidatrice oppure di una carteggiatrice, lo strumento, durante la sua corsa, è incappato in una particella più dura che legandosi al tampone oppure al disco abrasivo, ne ha seguito il movimento ed ha cominciato a segnare la superficie.
Per la soluzione di questo problema bisogna cercare di stabilire quanto sia profondo il segno e quanto esso sia esteso. In questo caso, valgono tutte le considerazione fatte per i RIDS.


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

2 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 17:03

carletto83

avatar
Detailer Novello
complimenti Admin!
questa è davvero una bella guida che ad essere sincero mi ha fatto afferrare cose
che prima erano un pò nebulose, come la definizione di RIDS e altre cose.
grazie mille!

Vedi il profilo dell'utente

3 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 17:20

Admin

avatar
Admin
sempre work in progress! Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

4 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 17:43

clansman

avatar
Apprendista Detailer
bellissima!

Vedi il profilo dell'utente

5 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 17:52

pier


Apprendista Detailer
ottimo!

finalmente ho capito davvero la differenza tra swirls e rids Smile

Vedi il profilo dell'utente

6 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 19:50

porsche911

avatar
Apprendista Detailer
magnifica guida

Vedi il profilo dell'utente

7 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 19:58

giacomo_defilippis

avatar
Diplomato in Detailing
ottima guida come sempre

Vedi il profilo dell'utente

8 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 20:34

HunterHeads

avatar
Detailer Novello
Complimenti antonio. Ora aspettiamo quella sulla microfibra che sarebbe altrettanto utile Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

9 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 20:46

arago

avatar
Apprendista Detailer
Ottimo capo, bella guida!

Vedi il profilo dell'utente

10 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 21:17

cupitt

avatar
Campione 2013
Campione 2013
continua così... queste guide sono davvero utili ..ne aspettiamo ansiosi di altre Wink


_________________
LE MIE " RICETTE "


Vedi il profilo dell'utente

11 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 21:43

bobo78

avatar
Apprendista Detailer
Che bella guida, davvero utile. L'ho letta con grande piacere Wink
Proprio oggi stavo pensando a come valutare se il rids in questione e' risolvibile o no. Ad esempio come faccio a intuire quanto mi posso spingere a carteggiare un graffio prima di sfondare il trasparente? Esiste qualche tecnica o trucco?

Vedi il profilo dell'utente

12 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 22:22

Giulio

avatar
Apprendista Detailer
bella guida,complimenti..
e pensare che c'è gente del mestiere(carrozzieri)che non sa nemmeno dell'esistenza di tali segni...o li ignora lasciandoli e mascherandoli come meglio riesce a fare..

Vedi il profilo dell'utente

13 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 22:57

The SoldanoS

avatar
Detailer Novello
Finalmente comincio a capirci qualcosa Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

14 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 23:34

fedebergamo


Apprendista Detailer
grazie per la bella guida!!! ma per quanto riguarda la carteggiatura, se uso solo un tipo di carta (quella meno abrasiva) devo incrociare ugualmente o la passo solo in un senso?

Vedi il profilo dell'utente

15 Re: La valutazione del danno il Lun 15 Nov 2010 - 23:46

phoenix.88

avatar
Detailer Novello
Mancava una guida del genere! Fontamentale soprattutto per permettere a chi entra in questo mondo di descrivere al meglio il suo problema. Very Happy

Vedi il profilo dell'utente

16 Re: La valutazione del danno il Mar 16 Nov 2010 - 23:08

Admin

avatar
Admin
bobo78 ha scritto:Che bella guida, davvero utile. L'ho letta con grande piacere Wink
Proprio oggi stavo pensando a come valutare se il rids in questione e' risolvibile o no. Ad esempio come faccio a intuire quanto mi posso spingere a carteggiare un graffio prima di sfondare il trasparente? Esiste qualche tecnica o trucco?

Non esistono riferimenti precisi per fare quello che dici. Serve sopratutto tanta esperienza e tanta conoscenza della chimica delle vernici. Nemmeno uno spessimetro ti potrebbe dare la certezza di riuscire a misurare il limite del lavoro...


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

17 Re: La valutazione del danno il Mar 16 Nov 2010 - 23:09

Admin

avatar
Admin
fedebergamo ha scritto:grazie per la bella guida!!! ma per quanto riguarda la carteggiatura, se uso solo un tipo di carta (quella meno abrasiva) devo incrociare ugualmente o la passo solo in un senso?

non servirebbe molto incrociare con la stessa grana... Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

18 Re: La valutazione del danno il Mar 16 Nov 2010 - 23:56

Ziochemio

avatar
Detailer Novello
Bella guida Antonadmin... Finalmente ho capito che sò i RIDS.

Vedi il profilo dell'utente

19 Re: La valutazione del danno il Mer 17 Nov 2010 - 8:09

dangerous

avatar
Detailer Novello
Ottimo Antonio questa la integrero' nel PDF...

Vedi il profilo dell'utente

20 Re: La valutazione del danno il Mer 17 Nov 2010 - 12:27

oscar_lars


Apprendista Detailer
molto utile, grazie admin! =)

Vedi il profilo dell'utente

21 Re: La valutazione del danno il Gio 18 Nov 2010 - 10:57

gabrY X HF

avatar
Apprendista Detailer
Complimenti Admin,
stavo per chiedere di inserire un vocabolario per rendere più agevole la lettura dei vostri post, quando mi sono ibattuto in questo 3D CHE SPETTACOLO! Cool Cool
Visto che ci sono però, una domanda... come hai visto, seguendo i consigli di Gianlu, nella mia presentazione, sono riuscito ad inserire una foto dell' HF. Adesso però, non so se per mia imperizia(leggi IMBRANATAGGINE)o altro, non riesco ad inserire più niente... Mad mi sembra di seguire le procedure correttamente ma, alla fine dell' operazione mi appare una scritta rossa che dice: "FORMATO DEL FILE NON AUTORIZZATO"a questo punto (pensando fosse veramente un problema di formato) ho provato a reinserire la foto della presentazione e la scritta malefica ha rifatto capolino... Evil or Very Mad
Peccato perchè speravo proprio di avere il vostro giudizio sul mio lavoro ed anche ulteriori consigli per togliere gli ultimi swirls Wink Wink

Vedi il profilo dell'utente

22 Re: La valutazione del danno il Gio 18 Nov 2010 - 20:36

316ti

avatar
Detailer Novello
bella guida molto interresante

Vedi il profilo dell'utente

23 Re: La valutazione del danno il Lun 22 Ago 2011 - 17:49

MatthewConcept

avatar
Aiutante Detailer
Ottima guida! Ma ora faccio una domanda: Perchè non descrivere come eliminare solo gli oleogrammi. Oppure con cosa eliminare solo gli swirl. Come dire completare la guida con le singole soluzioni. Compresi di prodotti da consigliare non le marche ma il tipo.
Saluti.

Vedi il profilo dell'utente http://concept.maxiblog.it

24 Re: La valutazione del danno il Gio 20 Ott 2011 - 22:57

roby_71


Aiutante Detailer
ottima guida mister...
ho provato a fare la prova con il sacchetto del congelatore dopo aver eseguito una porzione del cofano con la clay, ma sento ancora la vernice ruvida, mentre a mano nuda non si percepisce nulla.

Vedi il profilo dell'utente

25 Re: La valutazione del danno il Ven 21 Ott 2011 - 16:39

Admin

avatar
Admin
E' proprio il segno che il lavoro non è al 100% Wink


_________________
"Frequent car care is easy car care" Barry Meguiar
Vedi il profilo dell'utente http://www.lacuradellauto.com

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum